My Ethiopia

Blog

SI VINCE, per l'acqua di Varese!

Posted by etio on February 17, 2011 at 4:47 PM

Rispondo all'assessore all'Ambiente della Provincia, che inspiegabilmente, davanti a mia precisa richiesta e alla nostra pressione, vantava.. di voler chiedere solo di ridurre il volume di una cava assolutamente pericolosa sita sopra i pozzi della nostra acqua.

Lui non lo sapeva ancora, noi si cominciava a vincere su tutti i fronti.


Egregio Assessore, leggo la sua dopo una proficua seduta della Commissione Ambiente... ed Agenda 21 del Comune di Varese. Ho il piacere, fossi il primo cronologicamente, di annunciarLe che davanti a circa cento attivisti del comitato per la valle della Bevera all'Unanimità si é approvato di chiedere alla Provincia lo stralcio completo della cava Nidoli, come da Lei indicata in oggetto, dal piano cave, e il ricorso al TAR per l'adozione della valutazione di impatto ambientale. Vittoria, totale, si avvicina per le 39 associazioni ed numerosi Comuni coinvolti. Come si poteva in cuore e davanti a tanta opposizione, contrapporre un serio rischio per l'acqua con il profitto di una famiglia? Assessore, non so quanto abbia avuto effetto sull'inattesa unanimità l'inopportuna insistenza di una sola fazione partitica per inserire nel Consiglio Comunale contro diversi pareri autorevoli Nidoli Sara, contitolare della stessa Italinerti cui nel 1986 fu comminata la chiusura di cava abusiva, la MEDESIMA in oggetto.  

A parte questa considerazione personale e qui inefficace, Le riporto la completa adesione della commissione alle ragioni ben argomentate e correlate di relazioni tecniche dalla nostra parte. Resta il voto del Consiglio Comunale. Molti con me lo credono ora di facile esito positivo ad approvazione della delibera. Chi votasse contro in questa situazione, potrebbe, ed in fase di avvicinamento al vivo della campagna elettorale, esporsi a facili accuse persino di connivenze, nell'opinione condivisa da diversi astanti al salone Estense poco fa.

Francamente, lasciare la possibilità di togliere il pedon, il perfetto filtro del suolo al cavatore pur riducendo i volumi di cavato non vale il rischio. Rischio all'acqua di 220.000 ora, quanti sommando le generazioni future? A fronte di un assolutamente nullo rischio attuale che crolli il fronte della cava abusiva del Nidoli di 25 anni fa. Basterebbe che lo stesso cavatore avesse messo, come impostogli nell'ingiunzione di chiusura e mai fatto decentemente, un minimo riparo a monte. Comunque, rischi non ce ne sono, e la natura l'ha già recuperata con crescite spontanee, quasi completamente.  

La VIA non serve, dice la legge Italiana, dato che è un recupero, permetta, una farsa di recupero che consente al cavatore di vendere 1.550.000m3: ai prezzi correnti sulla piazza di Balerna, prossima davvero, novanta milioni di franchi di collina, intera.

La stessa commisione di stasera prende cautele per evitare rivalse economiche della Italinerti.

Il ricorso al TAR che le cito é evidentemente ammesso a diversi Comuni, qui figura di parte potenzialmente lesa. Mentre L'Unione indica la lesione di un preciso trattato che ci obbliga a procedere a procedure di adozione solo dopo processi partecipativi e consensuali di progetti di simile portata.  Una riduzione dei volumi non ha senso e inficia la stessa natura del, chiaramente strafalso recupero, come indicato dal competente esperto Regionale Lombardo Dr. Elefanti.

Elefantiaco errore davanti all'evidenza ostinarsi a concedere recupero e riduzione.  

Il recupero é nella terminologia stessa un falso, e serio, di natura ideologica a mio vedere.

Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

0 Comments