My Ethiopia

Blog

Gia' Controllato!

Posted by etio on May 24, 2010 at 5:01 AM

Dejà controlé, recitava una grossa badge blu sul petto di migliaia di Francesi che erano stanchi di quella forma di razzismo che più aborro, l'accanimento amministrativo. Sei scuro, sembri diverso, ti controllo e ricontrollo i documenti.

Molti ne avevano una diversa: "Ne Touche pas a mon Pote", lascia stare il mio amico. Ne avevano abbastanza degli abusi sui loro prossimi, se di tinta forte di pelle o se godevano di un raro, stupendo colore degli occhi.


 


Davvero difficile per chi vive in un mondo globale senza riuscire a capire vantaggi, svantaggi di questa inevitabile evoluzione del pianeta, orientarcisi.

La Scuola Bosina a Varese aveva organizzato una bella recitina Natalizia in antica lingua locale, il dialetto Bosino, o Varesino: bimbi e bimbe recitavano una filastrocca in cui davanti al bue e all'asinello del Francescano presepio stavano bene i pastori, come ciascuno stava bene al suo paese!

Certo era invece figlia del pensiero ugualitario del Palestinese che nella scenetta del presepe fa il Bambino, Profeta di un Futuro migliore la Costituzione del mio paese, L'Italia.

Subito, detto che il nostro vivere sociale si fonda sul lavoro di tutti, quella Legge fondamentale passa ad affermare questa bella chimera:


art 3

Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.


Certo, per quanto Croce, filosofo Italiano, dicesse "non possiamo dire di non essere Cristiani" questa sola massima ugualitaria non ci può andare giù.

Troppo facilona. Si deve dire che non siamo razzisti, che non temiamo il diverso con dui ci confrontiamo, ma quando vediamo altri di cultura differente, dobbiamo scagliarci contro, sempre, a qualunque costo. O possiamo fare i 'politically correct', modo tanto razzista quanto ipocrita di riferirsi all'astenzione da affermazioni xenofobe negli USA, dove il colore della pelle é dichiarato sulla carta d'identità. Dato che i ricchi del mondo non hanno gli occhi per vederlo, o comunque, rifiutano di vederlo.


Daccordo, é più criminale che razzista respingere barconi di condannati a morte sul mare, se avevano passato il deserto. Gli aguzzini Libici che approfittano del bisogno legittimo di alcuni di fuggire dalla siccità, di avere una speranza mal riposta, e di chi sta di qua dal mediterraneo di dire che ora 'la barca é piena'.

Perché i due bisogni contrastano e non si conciliano se non con un mondo dei ricchi che non danneggia l'atmosfera negando ai poveri la pioggia, nell'ormai innegabile cambiamento climatico che non é figlio davero del popolo delle barche, per quanto quasi tutto il resto colpa loro debba certo essere.


Oggi, a me dà fastidio l'accanimento amministrativo. Quello per cui se sei diverso devi fare cento pratiche che agli altri non servono, sono state semplificate, nessuno ti chiede di sbrigare.

Per un insignificante errore il fascicolo, con un chiaro OK in rosso scritto dal Geometra funzionario che tre volte é passato a casa mia, era nel faldone sbagliato. Non avrò a tempo la firma sul certificato di idoneità dell'alloggio. Non potrò aggiungere il fondamentale documento ai molti altri necessari per avere il permesso di soggiorno per chi ospito. MI é già costato 1500 euro di lavori in casa, per me inutili, ma sanciti per chi ha stranieri in casa -e solo per chi tanto osa fare, non per chi affitta o ospita gente 'di nostar'.

Chissà come si farà, salterà un appuntamento, si ricomincerà, normale, per chi qui é straniero e vive quotidianamente questa dannata forma di razzismo, l'accanimento amministrativo.


Perdiamine, non siamo nell'America di Martin Luther King, quando Stokely Carmicheal coniò il termine 'Razzismo Istituzionale'.

Non c'é un sistema codificato di separazione delle razze, nella Varese del 2010.

Vabbè, la xenofobia, razzismo di tutti e connaturato, la paura viscerale del diverso che abbiamo nei geni da quando ci difendevamo dalle fiere e dalle altre tribù con ogni mezzo, é notoriamente un buon mezzo di vincere voti facili tra chi si sente privilegiato. Chi amministra Varese lo usa da almeno dieci anni come trucchetto elettorale. Ovviamente per poi evitare accuratamente con ogni sistema di essere tacciato di razzismo, sarebbe indegno,  per i pubblici amministratori.



Durban, Sudafrica 1989. Pochi anni dopo, era un ricordo del passato


ALLORA, SIA CHIARO PER TUTTI: NON SI PUO' IN NESSUN MODO DI CHIEDERE AGLI STRANIERI, SOLO AGLI STRANIERI LA CERTIFICAZIONE DI IDONEITA' DEGLI ALLOGGI.

La legge fondamentale della Repubblica Italiana lo vieta espressamente.


Lo so da tempo, ma da buon cittadino che intende le paure, i malintesi che la globalizazione ci porta sotto casa, non sono stato zitto, ma ho evitato di denuncare chiaramente questo stato.

Non ci avevo pestato il naso contro, oggi, nell'ufficio preposito, nel quartiere 'alto' di San Fermo, uno scoglio erratico incastrato dal ghiaccaio appena oltre quella che ora é la Valle dell'Olona, sotto la nota chiesina.

Un po' mi son reso conto in prima persona di quanto l'accanimento amministrativo faccia perdere tempo e sia una chiara discriminazione.


Poi, permettettemi, non son riuscito a non pensare a quanto mi diceva Marceline, Ivoriana, che a  San Fermo risiede. Una famiglia Italiana di circa dieci persone occupa da anni, senza oltretutto pagare regolari affitti un appartamento Regionale presso il suo. Nessuno lavora, nella sventurata famiglia, salvo la nonna che oltre alla pensione ha una piccola attività. Dunque, lei non può parcheggiare la macchina neppure vicino casa. Tre volte gliel'hanno distrutta, o rubata. Perché pare davvero offensivo che una diversa, nera per giunta, col Lavoro della solita Costituzione, si permetta qualcosa che forse loro non hanno.


Si applichi l'art. 3, subito. DICHIARAZIONE DI IDONEITA' DELL'ALLOGGIO PER TUTTI I FANNULLONI NOSTRANI. In alternativa, sfratto esecutivo, e le pene che la legge prescrive a chi è razzista, amministratore e no.

Non si tollerino più i politici razzisti.

Categories: None

Post a Comment

Oops!

Oops, you forgot something.

Oops!

The words you entered did not match the given text. Please try again.

Already a member? Sign In

1 Comment

Reply Marilina
6:12 AM on January 7, 2011 
Hai ragione, č una disposizione iniqua e vergognosa...
A Varese e provincia cerco di dare una mano a chi deve produrre questo documento..nei limiti dell'umana possibilitą e del dover comunque fornire di pagnotta quotidiana la mia famiglia ;-)